Entro quale termine si può impugnare il permesso a costruire?

Diverse sentenze a ogni livello hanno indicato in 60 giorni il termine ultimo entro cui, chi ritiene di aver subito un torto o un diretto attacco ai propri diritti, può impugnare il permesso a costruire.

La domanda è: ma 60 giorni da cosa? Dall'inizio dei lavori? Dal termine dei lavori? Da quanto è "palese" che la costruzione arrechi un danno a qualcuno?

In realtà dipende il motivo per il quale si impugna il permesso. Dalla lettura delle sentenze degli ultimi decenni possiamo trarre delle conclusioni abbastanza veritiere; i 60 giorni partono dall'avvio dei lavori se si ritiene che la costruzione venga realizzata su un suolo inedificabile, altrimenti dal momento in cui ci si rende conto che un proprio diritto viene attaccato dalla costruzione per ampiezza, volumetria, grandezza, altezza della stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *